I migliori compagni di viaggio nella tua avventura sul Web

Seo tools: i migliori per la scelta delle keyword

Seo tool per keyword

Seo tools: i migliori per la scelta delle keyword

Le Keyword o parole chiave sono le parole o le combinazioni di vocaboli utilizzati per cercare informazioni, prodotti e servizi sui motori di ricerca. La scelta delle Keyword è fondamentale per la visibilità di un progetto web; diversi studi e dati dimostrano, infatti, che gli utenti pongono attenzione, in genere, ai risultati contenuti nelle prime 2 o al massimo 3 pagine di ricerca, se le informazioni trovate risultano soddisfacenti. L’individuazione delle Keyword per l’incicizzazione e  posizionamento nelle SERP (Search Engine Results Page) diventa dunque di cruciale importanza per permetterti di collocare il tuo sito in una posizione strategica nei motori di ricerca, aumentarne il traffico e, possibilmente, le conversioni.

Come pianificare le Keyword

Nell’ attività di pianificazione delle keyword può essere utile focalizzarsi su determinati passaggi al fine di ampliare con criterio le nostre parole chiave di riferimento. Vediamoli insieme:

  • Keyword popularity: Intercettazione del target di riferimento

La fase preliminare della pianificazione delle keyword prevede l’individuazione dei bisogni degli utenti a cui intendiamo rivolgerci per comprendere le esigenze che sono alla base delle query di ricerca; in questo modo produrremo contenuti attinenti e relativi alla query su cui abbiamo puntato scegliendo adeguatamente le Keyword da inserire in ogni singola pagina. Di conseguenza è importante selezionare parole chiave che risultano essere più popolari all’interno del target di visitatori per quel determinato sito web

  • Keyword competition: analisi della concorrenza

L’analisi delle strategie dei competitors e delle parole chiave efficaci da essi utilizzati è utile per scoprire nuovi termini interessanti per la nostra attività e in linea con il nostro settore di mercato.

L’analisi dei competitors prevede di esaminare i loro siti web – in particolare le parole chiave contenute negli articoli pubblicati, nel titolo, meta tag e description delle pagine – e di esaminare i primi risultati della SERP; a tal proposito, Sem Rush è uno dei tool SEO più completi per analizzare il traffico organico e il posizionamento nella SERP dei competitors. Tra tutte le parole chiave adoperate dai concorrenti, classificheremo quelle che risulteranno più corrispondenti per il nostro target. E’ evidente che lavorare su Keyword poco competitive produrrà risultati più rapidi; molto diffusa, in base a questo concetto, è la tecnica del Keyword Sniping che consiste nella scelta di puntare a una indicizzazione di parole chiave quanto più possibile settoriali e poco generiche ma comunque molto utilizzate dagli utenti.

  • Keyword tool: Individuazione delle keyword attraverso i principali strumenti di ricerca

A supporto della selezione delle parole chiave, utilizzeremo dei tools, gratuiti e non, che faciliteranno la nostra ricerca:

  1. AdWords Keyword Planner  strumento indispensabile per identificare parole chiave, il relativo volume di ricerca ed il loro rendimento
  2. Google Instant è uno strumento online che si attiva automaticamente facendo visualizzare i risultati di una ricerca che inizia con le lettere digitate. Per attivare questo sistema di ricerca, basta andare su Impostazioni di ricerca e spuntare su una delle opzioni di Previsioni Google Instant
  3. Google Trends strumento che google rende disponibile gratuitamente, utile per condurre analisi di mercato e conoscere i trends  nel settore di riferimento, oltre che per scoprire le keyword più impiegate per uno specifico argomento
  4. Wordtracker Considerato il maggior suggeritore di parole chiave esistente, prevede anche una funzionalità gratuita oltre che il servizio a pagamento
  5. Il già citato Sem Rush è utilissimo anche per la ricerca di parole chiave delle quali indica volume di traffico e competizione.
  6. Seo Zoom, una suite tutta italiana ricca di utili funzionalità e strumenti 
  7. Ubersuggest   ci offre, gratuitamente, suggerimenti per le keyword digitate
  8. Soovle  su questo web tool gratuito, troveremo le parole chiave più ricercate su Google, YouTube, Bing, Yahho, Wikipedia, Amazon ecc…

Short Tail, Keyword specifiche e Long Tail

A questo punto della pianificazione avrai sicuramente ottenuto una grandissima quantità di parole chiave che popoleranno il tuo sito, suddivise tra meta tag nell’HTML delle pagine, URL, titoli e contenuti delle pagine, articoli e così via.

Tale elenco di parole chiave verrà suddiviso in:

-          Generiche o Short Tail Keyword: sono parole singole o una coppia di parole che procurano un basso tasso di conversione, “ROI” (indicatore in percentuale di utenti che atterranno su un sito attraverso una determinata strategia SEO e SEM) e di visite al sito. La possibilità di ottenere traffico è discreta.

-          Keyword specifiche: sono le parole o frasi strettamente correlate al proprio brand o settore. Il traffico che procurano è ridotto ma qualitativamente valido. Un indicatore per determinare la validità di una keyword rispetto al proprio sito è quello di monitorare l’allungamento dei tempi di permanenza sul sito da parte dei visitatori provenienti da quella specifica keyword

-       Long Tail Keyword: sono le parole di ricerca “a coda lunga”, ossia frasi lunghe e specifiche che hanno minor concorrenza ma generano un maggior tasso di conversione dal momento che meglio rispondono ai  bisogni espressi dagli utenti nella query. Prese singolarmente queste keyword non determinano un grande flusso di visite sul sito, se sommate invece possono generare anche un flusso notevolmente maggiore rispetto alle keyword secche.

Uno strumento utile per la scelta delle long tail keyword è Answer the Pubblic  che consente una volta inserita la keyword di visualizzare con estrema precisione tutte le long  tail correlate. Si avrà così la possibilità di scegliere quelle che più risulteranno idonee ai nostri contenuti. Un ottimo lavoro in questo campo viene svolto anche dal tool di Merlinox che essendo tutto in italiano può risultare di più semplice utilizzo e maggiormente efficace per i siti a respiro prettamente nazionale.

Qualsiasi sia la strategia che operiamo nella scelta delle keyword per i nostri contenuti, l’aspetto più importante da tener presente è che, per quanto sia vero che porre attenzione alle regole SEO aumenta le visite, l’obiettivo principale deve essere sempre quello di soddisfare il lettore e fornirgli un’esperienza che lo porterà a visitare nuovamente il tuo sito.


connection ?omputer telephone tablet black

Responsive web design: come costruire un sito ottimizzato per i vari dispositivi

Il web negli ultimi anni ha mosso passi da gigante; con l’uso crescente di smartphone e tablet, nuovi scenari operativi si sono fatti spazio nello sviluppo di tecnologie per usufruire delle risorse online in modo rapido e facilmente accessibile. Tra le tecnologie maggiormente apprezzate e utilizzate, il “responsive web design” è stato quello che più di tutti ha rivoluzionato lo studio e lo sviluppo dei template; con le soluzioni responsive si disegna una pagina o un sito web in grado di essere fruito da qualsiasi dispositivo.

Responsive design: cos’è?

Alla base del disegno responsivo (così come chiamato in lingua italiana) c’è stata l’esigenza di sviluppare siti web facilmente accessibili da mobile evitando di riprogettare le pagine, in modo tale che una volta realizzato, il sito si adatta armonicamente al dispositivo utilizzato per la navigazione. Con l’uso del responsive, quindi, non si naviga su diverse versioni grafiche del sito, ma sulla stessa versione grafica con opportune indicazioni fornite direttamente sui file CSS (Cascading Style Sheets, ossia fogli di stile, i file utilizzati per impostare lo stile di visualizzazione delle pagine Web). La caratteristica dei siti responsive è di adattarsi alla larghezza della finestra e possono, quindi, adattarsi a qualsiasi dispositivo indipendentemente dalla risoluzione dello schermo:tablet, smartphone, web-tv e ogni tipo di computer.
Con le possibilità offerte dal responsive, l’utente vede potenziata la propria user-experience : non ha più bisogno d’interagire con le dimensioni dei caratteri, né di adattare il sito al dispositivo utilizzato con estreme azioni di ridimensionamento o ingrandimento.

Il concetto di risoluzione nella tecnologia responsive

In sostanza le attuali tecnologie distinguono la risoluzione in 4 grandi famiglie:
- Normale, lo standard dei computer fissi o portatili;
- Mobile, per i telefonini cellulari o i più moderni smartphone;
- Narrow, tipico dei tablet di qualunque risoluzione;
- Wide, principalmente per le TV e gli schermi a grande risoluzione;

Il web designer che progetta  il sito tiene conto del “concetto risoluzione” e sviluppa un sito web che attraverso delle direttive chiamate “Media Query” (introdotte dal moderno standard CSS che permette di invocare determinati attributi in base alla risoluzione dello schermo permettendo di personalizzare il sito elle varie dimensioni del display) si adatti perfettamente al dispositivo utilizzato per navigare le pagine. Partendo da questa condizione si comprende facilmente che la tecnologia responsive è puramente grafica e non interferisce in alcun modo con la “logica” e con il codice di programmazione server-side. Negli ultimi due anni il Framework Bootstrap ha raggiunto una popolarità rilevante, al punto di essere tra i più utilizzati nella progettazione di soluzioni responsive. Il citato framework fornisce una griglia di base basata su 12 colonne su cui il web designer o il front end developer strutturano il sito. Non è un caso se tanti tra i siti più famosi lo adottano come base strutturale; tuttavia non si può avere la pretesa che un sito responsive renda in maniera perfetta su browser o dispositivi di vecchia generazione, ormai obsoleti e poco funzionali.

Tempi di sviluppo e costi del responsive

Dal punto di vista di budget e di tempi di sviluppo per un sito web non responsive è richiesto un maggior impegno di risorse. I tempi di sviluppo più lunghi sono necessari a verificare ed eventualmente correggere la resa grafica dell’applicazione web sui diversi dispositivi o sulle funzionalità dei browser con lo scopo di raggiungere l’obiettivo finale della corretta presentazione dei contenuti in maniera quanto più fruibile indipendentemente dal dispositivo utilizzato dal visitatore; un’agevolazione, rispetto ai tempi, può essere fornita appunto dall’ utilizzo di strumenti per il design di un sito, come Twitter Bootstrap che permette  di risparmiare tempo nella progettazione di un layout responsive. La versione responsive  del sito resta dunque la soluzione  più economica, quantomeno  in termini di manutenzione, rispetto alla scelta di creare una seconda versione mobile dello stesso sito. In tal caso, infatti, il layout non sarebbe unico ma duplicato (uno per la versione desktop e uno per la versione mobile).

Perché scegliere il responsive design?

Creare un sito web responsive potenzialmente offre accesso a un pubblico più vasto, assicura la portabilità ovunque, soprattutto al mobile, che rappresenta il principale canale di navigazione: la mobile audience, infatti, è costituita da circa 17,5 milioni di persone in un giorno di cui oltre il 63% accede tramite smartphone e tablet; risulta indispensabile, dunque, fornire all’utente gli strumenti necessari per una gradevole e comoda esperienza d’uso: si stima, infatti, che circa il 60% degli utenti che atterra su un sito non ottimizzato lo abbandona entro pochi secondi. Infine un sito responsive garantisce un miglior approccio con le funzionalità dei moderni motori di ricerca ai fini dell’indicizzazione e della navigazione. Proprio in questo senso è da interpretare la relativamente recente mossa di Google che ha premiato nel posizionamento i siti mobile, almeno per quanto riguarda le ricerche effettuate appunto da smartphone e tablet, così che per un visitatore che effettua una ricerca dal suo smartphone, tra due siti – a parità di contenuti e fattori di posizionamento – risulti favorito quello con una migliore user experience da mobile. Puoi verificare in autonomia se il tuo sito è mobile-friendly direttamente al link ufficiale di Google

Se il tuo sito non risulta ottimizzato non rischiare di non espandere il tuo business: contattaci  per valutare insieme la soluzione migliore per la tua azienda e per ricevere gratuitamente un preventivo per rendere il tuo sito ottimale e più performante

 


prestashop-eBay integration

Sincronizzare un e-commerce Prestashop ed eBay: le soluzioni ai 5 problemi più comuni

Il Modulo ufficiale eBay Marketplace ti consentirà, in maniera estremamente pratica e veloce, di esportare  prodotti da PrestaShop a eBay, il marketplace più  famoso al mondo.

Una volta creato l’ e-commerce per il  negozio online   dovrai procedere sincronizzandolo con eBay, così da  ottenere numerosi vantaggi, come adesempio:

  • non incorrerai nel rischio di vendere più di quanto hai in magazzino, e potrai organizzare tutti gli ordini da un unico gestore;
  • potrai implementare l’ e-Commerce utilizzando eBay per metterti in contatto con un pubblico sempre maggiore di potenziali clienti;
  • sarai facilitato nelle vendite all’ estero (ad esempio convertendo automaticamente il cambio di valuta): per questa funzione il prodotto risulta addirittura migliorato;
  • potrai organizzare sia le inserzioni che le vendite dalla stessa piattaforma, senza dover gestire profili su network diversi semplicemente duplicandoil negozio PrestaShop su Ebay direttamente dalla pagina di amministrazione.

La procedura è molto semplice: basta selezionare dal catalogo i prodotti che desideri mettere in vendita per ciascuna categoria e procedere con la sincronizzazione: in un semplice passo renderai visibili i tuoi articoli a milioni di visitatori che esplorano eBay! Se il tuo negozio PrestaShop è in versione 1.5 o 1.6, il modulo eBay è già presente all’ interno della tua installazione di Prestashop e pronto per essere installato. Perciò non devi fare altro che accedere al pannello “Moduli” dalla pagina di amministrazione e cliccare su “Installa” in corrispondenza del modulo “eBay”. Il modulo è gratuito e l’installazione non richiede nozioni specialistiche di informatica e programmazione. Per facilitarti ti indichiamo il tutorial in italiano sull’installazione del modulo prestashop eBay e la guida sulla configurazione del modulo.

I principali problemi di sincronizzazione Prestashop- eBay

Terminata l’installazione e la configurazione ti auguriamo che tutto vada liscio per la pubblicazione effettiva su eBay ma, purtroppo, spesso possono verificarsi piccoli problemi.

Di seguito trovi un elenco dei  problemi comuni riscontrati durante e dopo l’installazione del modulo ufficiale di eBay per PrestaShop e  i relativi suggerimenti per risolverli:

  1. Errore di sincronizzazione tra i due inventari: la spiegazione più semplice a questo problema deriva dalla mancata configurazione del corriere di eBay con quello di PrestaShop nella sezione “Spedizioni”; la spiegazione più tecnica invece riguarda una non compatibilità all’interno della descrizione del prodotto (come ad esempio uno script) o l’inserimento di immagini che non rispettano i requisiti stabiliti da eBay.
  2. Categorie eBay non caricate, problema che si presenta quando il modulo non carica alcun valore di impostazione delle categorie o dei corrieri. La soluzione più semplice è quella di disinstallare il modulo, cancellare la cache e verificare di non aver lasciato file residui della versione appena disinstallata. Procedete scaricando quindi il modulo da un altro browser per poi ripetere l’installazione, ricordandovi di settare i permessi (chmod) a 777 della cartella e sottocartelle Ebay.
  3. Nessun prodotto da inviare: come primo passo per risolvere tale problema, bisogna verificare di aver configurato correttamente le categorie e sincronizzato i due inventari. Un’ulteriore causa di questo tipo di errore può essere l’impostazione di “assenza di inventario” su PrestaShop se in negozio non abbiamo problemi di tempistiche per l’approvvigionamento, ma con la sincronizzazione Ebay il modulo imposterà la disponibilità di prodotti su zero.
  4. Quando invece l’installazione e la configurazione sono andate a buon fine ed è possibile utilizzare il modulo, ma al momento di inviare le informazioni a Ebay compare l’errore di trasferimento delle informazioni tra terzi ed eBay, l’errore può essere dovuto a un problema di comunicazione tra i 2 server (il tuo sito ed eBay). Soluzione: controllare che le connessioni Server2Server siano sbloccate. Puoi richiedere la conferma di ciò direttamente al fornitore che ospita il tuo sito.
  5. Problemi di sincronizzazione tra negozio fisico, e-shop ed ebay: si tratta di uno dei principali disagi in cui incorre chi ha anche un magazzino fisico e riguarda la difficoltà di gestire il negozio fisico e i negozi online ; una prima soluzione sarebbe quella di produrre manualmente documenti con tutti i dati aggiornati con l’ausilio di gestionali, compilando fogli Excel su cui riportare le informazioni delle vendite dei vari negozi, gli ordini, le spedizioni, l’aggiornamento delle quantità dei prodotti  ecc… e, ancora, aggiornando il pannello di amministrazione del sito e dell’account ebay; una soluzione sicuramente più semplice è utilizzare un software gestionale integrabile come Danea Easyfatt, che ti permette in pochi clic di gestire tutte le attività del magazzino fisico e collegarlo  sia al tuo e-shop che a eBay.

 


fare-Web-Marketing

Strategie di Web Marketing: tutto quello che devi sapere per attrarre più visitatori sul tuo sito

Tra i principali obiettivi di ogni azienda, richiamare  interesse verso i propri servizi e prodotti di sicuro riveste una priorità assoluta. Oggigiorno il canale principale per farsi trovare e conoscere è il web e se ti stai chiedendo come attirare nuovi clienti verso la tua attività attraverso la pubblicità su internet , la risposta è solo una:progettare una strategia di web marketing che funziona! E’ solo in questo modo, infatti, che puoi permettere alla tua impresa, piccola o grande che sia, di trovare nuovi leads, ossia potenziali clienti interessati ai prodotti e servizi che proponi. Per approntare un web marketing di successo è indispensabile affidarsi a un esperto web e social media marketing che elabori la corretta strategia stabilendo obiettivi misurati su periodi calcolati a seconda delle tue esigenze e delle finalità prefissate.

Perché è importante il web marketing

Avere un sito web non garantisce visibilità e vendita di beni e servizi: bisogna organizzare campagne di marketing mirate che si articolano in diverse fasi e consistono in: verificare come il tuo sito web si presenta al possibile cliente; analizzarne la rilevanza sui motori di ricerca e la visibilità del prodotto e/o servizio; scoprire quale opinione hanno gli utenti del tuo brand, espandere il pubblico di riferimento e individuare i potenziali nuovi clienti, prendendo in considerazione le loro esigenze e il loro comportamento rispetto al prodotto o servizio che vuoi offrire; analizzare i concorrenti e pianificare l’adeguata strategia per il raggiungimento degli obbiettivi; di qui l’analisi approfondita del core business della tua azienda: tutto questo fa della strategia del web marketing l’indispensabile strumento per accrescere il tuo business e non abbandonarsi agli eventi ed il caso. Se dovessimo stabilire alcune linee guida, quantomeno consigli, possiamo così elencarne alcuni:

5 consigli utili per una strategia di web marketing che funziona

1 – Creazione del sito web

Il primo, indispensabile passo da compiere per trovare nuovi clienti è aprire un sito online, la vetrina virtuale in cui presenti la tua azienda. Trattandosi del primo contatto tra te ed il cliente, la buona creazione di un sito web  riveste un aspetto cruciale per promuovere un’ attività. Il sito deve presentarsi gradevole nel design e nell’usabilità, invitare l’utente alla navigazione ed offrirgli una piacevole esperienza d’uso. Indispensabile prevedere anche  un blog in cui fornire notizie, consigli o guide relative al tuo settore di riferimento: in questo modo arricchirai di contenuti il tuo portale e offrirai all’utente un servizio informativo utile ed interessante.

2–Ottimizzare il posizionamento su Google

Pianificare una strategia di marketing  ed avere online un ottimo sito web sono inutili se nessuno ti trova sui motori di ricerca! Per migliorare la visibilità su Google  e, dunque, il tuo posizionamento su Google, è indispensabile affidarsi a un esperto SEO che sulla base di strategie e tecniche elaborate ad hoc per il tuo progetto web, si impegnerà per migliorare le performance del tuo sito,  il suo posizionamento e renderlo più visibile al pubblico.

3- Pubblicità su AdWords

Se la ricerca organica non basta per farti trovare dagli utenti o vuoi raggiungere una posizione privilegiata  sui motori di ricerca nel minor tempo possibile, uno strumento prezioso per scavalcare la concorrenza e risultare più visibile dai nuovi clienti, è sicuramente la pubblicità con Google Adwords,  il modo migliore su come farsi conoscere su internet! Adwords ti da’ la possibilità di rivolgerti esclusivamente a quella fetta di utenti realmente interessati al prodotto o servizio pubblicizzato con l’annuncio, pagando, in questo modo, solo per i clic effettivi effettuati sulle inserzioni.

4-Social Media Marketing

La presenza sui Social Network, canali sociali online, primi tra tutti Facebook, Youtube e Twitter , è sempre più assidua e proficua: il mondo della comunicazione transita sui social media che rivestono nella quotidianità una porzione importante della vita giornaliera e, dunque, il potere divulgativo di questi potenti mezzi si rivela assolutamente indispensabile per diffondere il tuo brand. Pubblicare post, condividere i contenuti del tuo sito, interagire con gli utenti sono tutte attività che vanno implementate con le strategie di marketing.

5- Newsletter

L’invio periodico e costante di e-mail ai tuoi iscritti è un’attività fondamentale per la fidelizzazione dei clienti: tienili aggiornati con informazioni e novità della tua azienda ; mantieni costantemente vivo l’interesse del tuo brand con nuove idee e nuovi spunti; promuovi i tuoi nuovi prodotti e servizi; fai sentire privilegiata la tua clientela con l’invio esclusivo di scontistiche e offerte personalizzate e , infine, includi nelle mail link che puntano al tuo sito per aumentare il traffico sul sito.

 


Quanto costa un sito: i fattori che incidono sul prezzo

Il prezzo di un sito Web è dato dall’analisi di molti fattori, così tanti da rendere difficile elaborare un preventivo automaticamente. È sempre necessario, o almeno auspicabile, valutare concretamente le esigenze caso per caso. Ad oggi le dinamiche del Web sono sempre più complesse con un utente medio sempre più esigente. È per questo motivo che la fase dedicata alla progettazione assume ancora più importanza, al fine di individuare in maniera chiara i punti su cui agire nella seconda fase di sviluppo. Con le tecnologie attuali e una buona base progettuale, i tempi di sviluppo possono essere ridotti di molto.

In sintesi, il nocciolo duro del prezzo complessivo per la realizzazione di un sito Web è costituito principalmente dall’attività di consulenza svolta dal nostro team: un’attività di consulenza che parte dal comprendere le singole esigenze fino alla promozione del sito attraverso le diverse azioni di web marketing.

Ad ogni modo è senz’altro possibile avere delle linee guida generiche per comprendere le principali attività che incidono sul prezzo, partendo dalla tipologia di sito Web.

Prezzo di un sito e-commerce

Il costo di un sito e-commerce può essere influenzato da una serie di funzioni più o meno necessarie in base al tipo di attività svolta. Una prima importante distinzione è tra un e-commerce B2B (Business to Business) oppure B2C (Business to Consumer). Nel primo caso l’attività è rivolta ad altre aziende (vendita all’ingrosso o comunque ad operatori del settore) mentre nel caso del B2C si tratta di vendita diretta al cliente finale (al dettaglio). In alcuni casi è possibile che queste due tipologie di vendita siano presenti contemporaneamente sullo stesso sito.

In ordine di incidenza, queste sono le caratteristiche che possono maggiormente far lievitare il costo di un sito e-commerce:

  • Sistema integrato di fatturazione
  • Gestione integrata dei resi e dei rimborsi
  • Accesso multi-livello con differenti privilegi di gestione (ad esempio per il reparto amministrazione oppure logistica)
  • Configurazione automatica dei prodotti: ad esempio nel caso di siti per la vendita di prodotti su misura
  • Multi-lingua

Installare WordPress gratis

wordpressPer chi è alla ricerca di una soluzione gratuita per realizzare il proprio blog o sito web il CMS WordPress è spesso un’ottima risposta. Noi stessi l’abbiamo scelto per pubblicare e gestire questo sito.

WordPress è un CMS (Content Management System) open source nato principalmente per creare e gestire il proprio blog e i relativi contenuti in maniera dinamica e in autonomia. Tramite un pannello dedicato è infatti possibile inserire articoli, immagini, moduli contatti e quant’altro. Vediamo insieme come procedere all’installazione sul tuo server.

Innanzitutto scarica l’ultima versione di WordPress alla seguente pagina -> Scarica l’ultima versione in italiano di WordPress. Verifica quindi che il tuo hosting rispetti i requisiti minimi.
Adesso procurati i dati del tuo database (ti serviranno dopo) e poi collegati al tuo FTP utilizzando il client FTP che preferisci (FileZilla è un client gratuito e molto semplice da usare), tutti questi dati dovrebbero esserti stati inviati per email al momento dell’acquisto dell’hosting.

A questo punto estrai tutti i file presenti nell’archivio zip di WordPress che hai scaricato in precedenza e apri con un editor di testo (come Blocco note) il file wp-config-sample.php, inserendo tutti i dati relativi al tuo database. In particolare dovrai modificare le seguenti linee di codice:

/** The name of the database for WordPress **/

define(‘DB_NAME’, ‘inserite qui il nome del vostro database‘);

/** MySQL database username **/
define(‘DB_USER’, ‘inserite qui il nome utente del vostro database‘);

/** MySQL database password **/
define(‘DB_PASSWORD’, ‘inserite qui la password del vostro database‘);

/** MySQL hostname **/
define(‘DB_HOST’, ‘inserite qui l’indirizzo del vostro sito‘);

Salva il file e rinominalo in wp-config.php .

A questo punto trasferisci tutti i file tramite FTP nella cartella principale del tuo spazio Web (o in httpdocs) se vuoi che WordPress sia raggiungibile dall’indirizzo principale del tuo sito (es. www.tuosito.it) oppure nella sotto-cartella che hai scelto se vuoi che il sito sia raggiungibile da un URL come www.tuosito.it/blog .
Avvia quindi l’installazione andando su www.tuosito.it/wp-admin/install.php oppure se si usa una sotto-cartella su www.tuosito.it/blog/wp-admin/install.php .

La procedura di installazione procederà in maniera automatica e al termine ti saranno forniti un nome utente e una password per accedere tramite la seguente pagina www.tuosito.it/wp-admin/ oppure www.tuosito.it/blog/wp-admin/ , al pannello dal quale potrai inserire testi, immagini, installare temi o plugin a seconda delle vostre esigenze.

Installare WordPress è estremamente semplice ed è una soluzione appositamente progettata per consentire a chiunque, senza particolari conoscenze tecniche, di gestire in autonomia le pagine del proprio blog e/o sito. E’ per questi motivi che nell’immediato è anche estremamente economico (al più è necessario investire un po’ del proprio tempo). Nel medio-lungo periodo, tuttavia, WordPress potrebbe rivelarsi poco flessibile qualora dovesse esserci bisogno di lavorare su una solida ottimizzazione SEO per migliorare l’indicizzazione o agire sul codice per integrare quelle modifiche e personalizzazioni che non fanno già parte della piattaforma considerando che, essendo appunto una soluzione “generalista”, è volutamente strutturata in modo tale da assecondare le esigenze di chiunque senza focalizzarsi sulle peculiarità che rendono un sito unico.

Se hai bisogno di una soluzione su misura per le tue esigenze contattaci per un preventivo gratuito e senza impegno.


Web Agency o Freelance?

webagency_vs_freelance

Così hai deciso di costruire un nuovo sito web, ma hai bisogno di qualcuno che lo faccia per te.

Su internet ci sono numerose offerte di liberi professionisti o web agency, come si fa a sceglierne uno? La prima decisione da prendere è decidere se affidarsi ad una web agency o un libero professionista (freelancer).
Le differenze tra le due soluzioni non sono semplicemente di costo ma anche qualitativi e di sicurezza.

Spesso si è portati a pensare che affidarsi ad una web agency sia più costoso, ma non sempre la soluzione più economica è la migliore.
Il prezzo è ovviamente un fattore importante, ma sarebbe un errore basare la propria scelta esclusivamente sul costo. Tutti vogliono soluzioni qualitativamente buone al prezzo più basso, ma, in realtà, questa è purtroppo una cosa molto rara!

Ma perché è una web agency è più costosa di un libero professionista? Ovviamente le agenzie hanno le spese generali che tutte le aziende sostengono, ma in più si paga anche per i seguenti fattori:

  • Una vasta gamma di abilità e creatività;
  • Servizio di web design su misura (verranno realizzate soluzioni grafiche su misura per il vostro business);
  • Un sito web sviluppato da zero con una struttura che è stata progettata appositamente per il vostro sito;

Un libero professionista può sembrare più conveniente, ma spesso si finisce con l’avere un sito web che ha restrizioni e che è poco flessibile, in quanto per offrire una soluzione a basso costo faranno riferimento a soluzioni già preimpostate e/o open source.

Un sito web di alta qualità non solo aiuta il tuo business nel lungo termine, ma è probabile che costi di meno nel tempo. In questi casi affidarsi a soluzioni economiche significa comprare due volte.

Quando si lavora con una web agency, sarà facile chiarire i tuoi dubbi potendo parlare anche di persona con lo sviluppatore negli uffici durante gli orari di ricevimento. Un web designer freelance, invece, lavora spesso da casa.

Affidarsi ad una web agency significa anche avere maggiore sicurezza. Se per un qualsiasi motivo uno degli sviluppatori della web agency si rende indisponibile, vi è qualcun altro pronto a subentrare nella progettazione del vostro sito web rispettando così i tempi di consegna. Questa rassicurazione manca con un web designer freelancer.

Un libero professionista può non essere in grado di gestire la varietà di problemi o problemi specifici che si presentano nel corso del progetto, mentre la web agency essendo costituita da un team potrà sicuramente far fronte ad ogni esigenza potendo contare sulle competenze di più persone.

Chiunque con un minimo di conoscenza può costruire un sito web, ma se si vuole di più, se desideri un’esperienza digitale che soddisfi i tuoi obiettivi e contribuisca a costruire o far crescere il tuo business, la soluzione migliore è affidarsi ad esperti che non si occuperanno solo della creazione del tuo sito web, ma anche di graphic design, programmazione web, copywriting e SEO.

Quando si parla di esperienza e professionalità vi è molto meno rischio quando si lavora con una web agency, che si tratti di un semplice sito web che di ecommerce, gestionali, ecc. Ciò a sua volta si traduce in minor stress per tee più tempo per concentrarsi sulla gestione del tuo business!

Hai bisogno di un sito Web personalizzato? Richiedi un preventivo gratuito e senza impegno per il tuo sito web, troveremo la soluzione migliore e con il miglior rapporto qualità/prezzo.